cantina miseria e nobilta' amalfi food a valle dei mulini

Vai ai contenuti

Menu principale:

  • La cantina "Miseria e Nobiltà" è un locale rinomato e ricercato per la qualità dei cibi e per la tipica caratterizzazione degli arredamenti interni. Il gestore, Rocco Bellogrado, profondamente legato alle sue radici amalfitane e alla Valle dei Mulini, luogo dipinto in tutte le epoche da artisti di ogni paese del mondo, è un dinamico giramondo e proprietario del prestigioso negozio di oggettistica sito ad Amalfi "A Faenza", è un cacciatore di antichità e oggetti particolari ed unici di cui ama circondarsi. L'arredamento del locale è indubbiamente singolare. Un mix di epoche diverse che abbraccia la corrente di arredamento kitsch tipica dei locali underground metropolitani newyorkesi, Milan Kundera a questo proposito scrive:" Nel regno del Kitsch impera la dittatura del cuore. I sentimenti suscitati dal Kitsch devono essere, ovviamente, tali da poter essere condivisi da una grande quantità di persone. Per questo il Kitsch non può dipendere da una situazione insolita, ma è collegato invece alle immagini fondamentali che le persone hanno inculcate nella memoria."


  • La cucina sposa una corrente filosofica di pietanze  a km. 0. Cucina quasi sempre locale-regionale, dalle preparazioni che rispecchiano il mangiare di una volta. Insomma il cuore intorno al mondo, ma la cucina rimane quella della nonna


  • La cantina "Miseria e Nobiltà" esorta al consumo, nell'ambito della ristorazione collettiva pubblica, di prodotti provenienti da coltivazioni biologiche, integrate, nonché di prodotti tipici e tradizionali , oltre che per favorire il consumo di produzioni locali e quindi promuove e utilizza prodotti da attività agricole ecocompatibili nel proprio territorio.


La cantina "Miseria e Nobiltà" fa dell'economicità dei prezzi praticati  un' attrattiva, cui fa riscontro una maggiore semplicità nel servizio, ma non nella qualità e quantità dei cibi offerti che  è di ottimo livello sempre accompagnata da musica dal vivo classica napoletana.

 
Copyright 2019. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu